Friday, 16/4/2021 | 5:22 UTC+2
Consil Sindacato

Ammortizzatori ed emergenza Covid-19: accesso anche agli artigiani non regolari FSBA

Ammortizzatori ed emergenza Covid-19: accesso anche agli artigiani non regolari FSBA

Un’ottima notizia per gli artigiani italiani colpiti dall’emergenza Coronavirus. L’INPS, con una circolare del 28 marzo, ha dissipato ogni dubbio in merito all’assegnazione delle forme di sostegno del reddito alla categoria.

Ad essere inclusi tra i beneficiari delle misure economiche messe a disposizione dal Governo, saranno anche gli artigiani non regolari con il versamento al FSBA (Fondo di Solidarietà Bilaterale alternativo per l’Artigianato). Le misure previste dal decreto-legge n. 18/2020 relative alle ipotesi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19 non faranno differenze basate sulla regolarità versamenti al Fondo di sostegno. Il Fondo di solidarietà bilaterale dell’artigianato non prevede limiti dimensionali e non rileva se l’azienda sia in regola o meno.
A carico del bilancio dello Stato nel limite di 80 milioni di euro per l’anno 2020, gli oneri finanziari delle prestazioni.

Quali requisiti sono necessari? I datori di lavoro potranno presentare domanda di accesso all’assegno ordinario con la nuova causale “emergenza COVID-19” ai Fondi bilaterali alternativi, specificando l’ambito di applicazione soggettivo del datore di lavoro, con codice di autorizzazione “7B”.”
Consil assisterà i suoi aderenti in fase prodromica all’accesso agli ammortizzatori sociali (e nel caso specifico all’assegno ordinario presso il FSBA) attraverso la fase di informativa, consultazione e il susseguente accordo sindacale (necessaria anche per le aziende con meno di 5 dipendenti). Un’importante forma di sostegno al reddito arriverà dunque, senza distinzioni, ad una delle categorie più colpite dall’emergenza in corso e sempre colpevolmente dimenticata. Ora più che mai è fondamentale l’unione per fronteggiare l’emergenza. Tutti insieme ce la faremo.